giovedì 3 maggio 2012

Odio i fascisti di Scandicci (e i nazisti dell’Illinois)

È anzi mia opinione che il male non possa mai essere radicale, ma solo estremo; e che non possegga né una profondità, né una dimensione demoniaca. Può ricoprire il mondo intero e devastarlo, precisamente perché si diffonde come un fungo sulla sua superficie. È una sfida al pensiero, come ho scritto, perché il pensiero vuole andare in fondo, tenta di andare alle radici delle cose, e nel momento che s'interessa al male viene frustrato, perché non c'è nulla. Questa è la banalità. Solo il Bene ha profondità, e può essere radicale.” Hannah Arendt

Non dimentico che in piazza Dalmazia, a Firenze, il 13 Dicembre scorso Samb Modou e Diop Mor morivano per mano del fascista Gianluca Casseri, militante di Casapound, il quale riuscì a ferire altri tre uomini prima di togliersi la vita. Non mi capacito ancora di come un uomo, dal fisico certamente non agile, abbia potuto effettuare la sua mattanza  in quella trafficatissima  piazza e poi si sia recato indisturbato in pieno centro nel tentativo di ripetere il massacro nel mercato di San Lorenzo. Impossibile per me pensare che possa aver agito da solo. Ricordo quel giorno, il susseguirsi di notizie a riguardo e come una buona parte dei giornali online trattò l’argomento. Non dimentico i commenti di molti cittadini comuni che, sotto gli articoli di queste testate, scrivevano cose aberranti tipo: “Ha fatto bene, due in meno!” o  le solite  idiozie cariche di retorica: “Questi vengono a rubarci il lavoro, le case ecc”.  L’Italia è piena di questa brava gente che disprezza chi dall’Africa o altri paesi,spesso con una laurea e con una cultura decisamente superiore alla nostra, viene nella nostra penisola con lo scopo di assicurare una vita più dignitosa alla propria famiglia. Questi ben pensanti a Firenze hanno un loro eroe: Gheri Guido DJ e proprietario dell’emittente Radio Studio 54 situata in Scanidicciland.
(Impossibile, anche solo guardando questa immagine, non ripensare alle teorie del Lombroso)

Questo  personaggio a fine Aprile è stato denunciato, e la sua radio sequestrata, con l’accusa di diffamazione e odio razziale. (Vi consiglio a riguardo il post del Venturi:  Skanditschentum und Rassenhasse. Beiträge zur Theorie der wissenschaftlichen Gherikunde.) Ora al di la della funzionalità  o meno di un  sequestro preventivo e pensando a quanti,  da destra a sinistra,  in Italia  propagano le loro cazzate offendendo i diritti umani (dai migranti agli omosessuali, alle coppie di fatto,  passando dal diritto all'eutanasia a quello all'aborto ecc)  mi fa proprio specie che ci siano crociate a favore d’individui del genere soprattutto nei social network, in primis su facebook.  Un sacco di persone si sono trovate coattamente catapultate nel gruppo Contro la chiusura di Radio Studio 54 dove s’inneggia la sacralità della nostra costituzione verso la libertà di parola, ma s’ignora completamente  la Legge Scelba.  Pagineminkia, gestite da fasciminkia, manipolano la verità per difendere uno che chiama merde i migranti e augura scariche di legnate ai parcheggiatori abusivi dai microfoni della sua radio. Questi paladini della libertà di parola sono fantastici, in perfetto stile bimbaminkiesco fanno i loro proclami, spesso scrivendo in stampatello, e quando qualcuno fa notare loro che il razzismo non ha nessuna giustificazione razionale lo bannano. Que viva la liberdad! Non riesco a dimenticare che il fascismo, il nazismo e tutte le forme di dittatura si sono propagate come funghi giocando sull’animosità degl’individui e sulla loro superficialità. Non riesco a non pensare che un insieme di cazzate, come quelle sparate da Gheri Guido, in passato siano costate la vita a milioni di persone, compresi i due uomini che. una mattina come  tante. aprivano il loro banchino al mercato di piazza Dalmazia. 
Posta un commento