lunedì 14 marzo 2011

Edo Nista

Io sono bono, me guardo a lo specchio e me dico: "Sei un figo  da paura”. Me chiamo Edoardo Nista, Edo pe’ l’amichi. Io nun c'ho mai avuto bisogno de studiàde stamme arrabbattà. Co’ sti  pettorali e sti becipidi  ca m’aritrovo me se apreno tutte le porte. Mi padre era n’operaio, ma a me la fabbrica fa schifo, io  c’ho le idee, o so che sfonnerò ner cinema o in televisione nu m' emporta, l’importate è  diventà famosi.  Molti m’ariconoscono perché  so stato ne la casa  pe’ du settimane,ma no ne la casa circondariale, li ce sto stato 3 mesi da regazzino,  io so stato ne a casa der grande fratello. Ho già avuto un sacco de contatti pe’ fa  le reclame dei bru gins cor navigatore incorporato, veramente troppo da giusti. Poi sto a scrive la mia auto e bio grafia e devo fa quarche comparsata ner salotto de’ Paola e nella cucina d’Antonella.  Che ce volete fa, co’ na testa e un fisico come er mio posso solo da fa er divo e   so che presto me vedrete ne li film de li Vanzina.  Le donne me cascheno a li piedi,  so come un toro mecanico, le faccio sta in sella fino a che nun le finisco e cadono intontite. C’ho n’affare fra le gambe che pare de acciaio 18/10  e 18/10 nun se riferisce a la lega  pe’ capisse. So er novo Van Damme, a me Stallone me fa na pippa, er modello mio è Svazzeneggher.  Io nun so un tipo banale, io c’ho  de le prospettive, l’ho sempre avute. Da regazzino  ho spacciato pe potemme acchittà co li vestiti più fighi, nun ho mai lavorato un solo giorno in vita mia, io nun so  come la maggior parte  de’ li poveracci che  paga le tasse se fa er mazzo pe du spicci .  Li amichi me dicono che so'  un dritto, uno dar cervello fino, a me nun me se incula nessuno. spesso so io che je lo metto in quer posto all'altri. So’ riuscito a campa’ freganno la gente  a destra e a manca. Quanno potevo truffà li vecchietti l’ho fatto.  Nun c’ho peli su la lingua io, caso mai  li  lascio de li miei a quarche femmina che me fa li pompini. Io seguo solo li più forti, me piace la destra quella dei duri e puri come ai tempi de mi nonno, a me de tutte ste cose de la società nun me ne frega un cazzo.  Io guardo solo  a li soldi e a la figa. Io  farò un sacco de quatrini, sarò famoso e se proprio proprio   me andrà male con er cine e la tv, me butterò in politica, c’ho  la forza  nova e le idee giuste pe’ fa cariera.


Un doveroso ringraziamento a Marinella Rossi, mia preziosa amica che da madrelingua ha corretto (con la giusta traduzione)  questo post.
Posta un commento