giovedì 23 giugno 2011

Ai quem me dera

Eppure ci provo con la biro e con la pazienza che avevo in quegli anni, ma questo nastro si riavvolge male e a questo punto non so se mi convenga mandarlo ancora un po’ indietro … Ricordo che mio fratello ne tagliava un pezzo e poi, con precisione millimetrica, ci metteva sopra del nastro adesivo. Ma io ho paura a tagliare, non vorrei buttare via qualcosa di prezioso. Potrei provare a distenderlo e cercare di lisciarlo delicatamente con le mani e poi provare di nuovo ad arrotolarlo, vorrei ancora sentire, ma temo di non avere tutto questo spazio per questa operazione. So che non è tutto perso, la prova, seppur smontata in parti, è nelle mie mani. Non è poi così danneggiato, è solo rimasto un po’ impigliato, ma non è stato mangiato, non si è spezzato. Mi dico che devo concentrarmi e non pensare ad altro, se ce l’ho fatta a levare quelle piccole viti a non perdere niente posso recuperare ancora qualcosa, volesse il cielo …

 


Posta un commento