giovedì 7 luglio 2011

La Posta del Pancreas®

“Cara Donna Letizia, chi ti scrive non è la classica ragazzina in cerca di amore ma una zitella di lungo corso ormai giunta alla soglia dei 50 anni anche se portati benissimo. Tutti i miei amici, gatti, dicono che sono una bella donna, spiritosa avvenente ma non sono ancora riuscita a trovare l’amore della mia vita. Eppure mi lavo tutti i giorni, mi depilo con cura le gambe se non porto le calze  contenitive, mi faccio i baffetti e le sopracciglia, anche se devo dire che spesso che non riesco a farne una uguale all'altra, anzi nemmeno simile, ma si sa la perfezione non esiste. Cambio spesso deodorante, sono attenta all'ambiente e separo con cura l’immondizia per tipo e per colore. Ascolto Berio quasi tutto il giorno e leggo i libri di Susanna Tammaro e Margaret Mazzantini …  cosa c’è in me che non va? Perché non riesco a trovare uno straccio di uomo decente? Eppure sono una donna affermata nel mio campo (sono estetista presso La Fiamma Eterna agenzia di onoranze funebri). Sono così devota al lavoro che spesso continuo a farlo anche la sera a casa mia, così per rilassarmi. So cucinare di tutto e non butto mai  via le cose meravigliose che la natura ci riserva, comprese le larve. Lavo con la cenere, stiro e ammiro. Desidero tanto un compagno, questa solitudine mi rende una donna incompleta. Insomma cani e porci trovano l’anima gemella, ti prego dimmi come devo fare, sappi che seguirò fedelmente i tuoi consigli. Intanto per allenarmi alla vita coniugale ho prelevato un tipo dall’agenzia e fino a che i parenti non lo reclamano me lo tengo nel letto la notte e sul divano davanti alla tv  per il resto del giorno un po’ come fanno  tutti gli uomini del mondo. Attendo con ansia e trepidazione la tua illuminante risposta.
Tua fedele lettrice Agata Inapp ”  


Cara Agata Inapp, 
la tua lettera è un ottimo spunto e ti ringrazio. Molte delle mie lettrici più mature cercano ancora l'anima gemella eppure non osano chiedere consiglio, non pretendono per se stesse il meglio e non si danno da fare. Tu, invece, che cerchi e attendi fiera, che ti depili con puntualità e poca precisione, lavi, stiri e ammiri, sei un faro acceso per tutte loro. 
Gli uomini mia cara, vanno presi con cura. Bisogna star attente ai piccoli dettagli, non bisogna mai essere troppo servizievoli o troppo intransigenti, bisogna saper dosare dolcezza e intelligenza, mai mortificarli o palesargli le loro quantomai evidenti incapacità.
La tua idea di allenarti alla vita coniugale mi sembra ottima ed anzi, consiglierei ad ogni donna di far pratica prima del lieto congiungersi. Mie care lettrici, prendete dunque esempio, trovate un cane abbandonato in superstrada, un criceto in calore o con i punti della coop continuate a chiamare ossessivamente l'idraulico convenzionato, mettetevi all'opera. Sono certa del resto che quanto a punti state tutte messe bene e che da brave donne saprete lamentarvi di volta in volta per qualcosa di nuovo, fino ad una perfetta messa a punto della caldaia e alla fatidica risposta "sei una rompicoglioni", che gli uomini, come scoprirete, tanto amano. Quello sarà il giorno in cui sarete pronte.
Ad una certa età non si può più andare a tentoni, la ricerca dell'anima gemella è una ricerca che si deve quindi riassumere nelle 4P: Perseveranza, Precisione, Perfezionismo e Pruderie. Bisogna essere perseveranti a fronte dei primi no, precise nella scelta, perfezioniste quando lui vi metterà alla prova e castigate nel proporvi ed omaggiarlo.
Punta al baretto sotto casa, cara Agata Inapp. Scarta subito gli avventori di passaggio, ad occhio screma per età e pappagorgia, non ti lasciar tentare dal giovane comunista trasandato, un giorno finirebbe anche lui per urlarti appena sveglio, seduto sul letto "Porco demonio, dove sono i miei calzini??!" senza aver ancora aperto il cassetto. Scegli con cura il tuo uomo, controlla bene che il dettaglio unico e fondamentale manchi, e se tutto è in ordine, puntalo.
La donna deve saper interpretare i gusti di un uomo senza per questo assecondarlo sempre. Studia il tuo uomo, mia cara. Inizia a frequentare anche tu il baretto. Scegli un look appropriato, ordina la sua stessa bevanda, resta in disparte ma attenta al suo sguardo, se ti guarda controlla di aver spazzolato bene i peli del gatto o con un gesto elegante tira su la calza contenitiva. Lascia il baretto nel momento in cui lui sta tenendo banco davanti agli amici, si chiederà perché e saprà che deve far di meglio per attirare la tua attenzione, ricordati di pagare prima d'uscire e resisti alla tentazione di pulire le briciole sul tuo tavolo, noterà la trasgressione. Guarda l'ora, così da rientrare in casa prima che faccia buio e soprattutto prima che lui lasci il baretto, quando immaginerà una vita con te saprà che tu gli farai trovare la cena pronta e il telecomando accanto al divano. Ricordarti di fermarti un attimo prima d'andare e ammiccante togliti il pezzo di prezzemolo tra i denti del rognone trifolato che hai ordinato, capirà che sei una donna attenta ai dettagli.
Vedrai di giorno in giorno i progressi e con fiducia perservera, sii precisa, perfezionista e mostra la tua pruderie, lui apprezzerà e saprà che sei una donna a modo.
Tuttavia sappi anche incassare una sconfitta, potresti scoprire nei mesi estivi che sul villoso petto ostenta una raffinata catena d'oro cui è appeso l'odioso dettaglio o ancor peggio renderti conto che è un uomo difficile e diffidente come molti. In questo caso, mia cara Agata, punta al corollario.
La quinta P.
Vestiti da gran Porca e quando tiene banco, ridi come un'oca giuliva.

Ad alcuni uomini basta poco per sentirsi Maschi


Con affetto, Donna Letizia.


La Posta del Pancreas in collaborazione con  Alessandra Bacci (Chi cerca, trova)
Posta un commento