martedì 16 agosto 2011

Volver a los 17

Vorrei tornare ai miei 17 anni quando giravo sul mio motorino per le strade di Firenze e non mi rendevo conto di  quel che succedeva nel mondo.  Mi sentivo protetta dalla mia famiglia e credevo nelle magie del cuore.

Ricordo il giorno del mio compleanno, il disco  di Springsteen che mi regalarono gli amici, quella copertina dove si vedeva Bruce con i suoi jeans consumati, il berretto e sullo sfondo la bandiera degli States.The Boss mordeva il mondo e io sognavo di morderlo insieme a lui.

Quando avevo 17 anni non conoscevo Violeta Parra la sua poesia, non conoscevo Victor Jara,  ma sapevo quello che era giusto e quello che era sbagliato, riconoscevo il buono dal marcio ma vivevo in uno stato irreale perché le colpe erano nascoste insieme ai cadaveri nelle fosse comuni dall’altra parte del mondo.

All’epoca mi struggevo insieme al giovane Holden ero ancora vergine e divoravo i libri di Stephen King.  Avevo vissuto l’inverno più rigido del secolo in una città imprigionata dal ghiaccio e la primavera regalava buoni sentimenti al suono di noi siamo il mondo noi siamo i bambini

Ricordo l’emozione di quella estate, tutti noi incollati davanti alla tv per il Live Aid, Bob Geldof & co. che ci credevano e noi insieme a loro pensavamo che si potesse  fare sul serio qualcosa di grandioso per l’altra parte del mondo.

Intanto le Madri continuavano a chiedere dei propri figli in Plaza de Mayo a Buenos Aires.

Non sapevo niente a riguardo dell’Opus Dei una delle associazioni a delinquere più potenti del mondo … ancora è potente, ancora il “sistema” tiene ben chiuso questo enorme vaso di Pandora.   
Licio Gelli amico degli assassini girava libero e protetto, ancora è libero e protetto.  
Nel 1985 si parlava già da tempo di servizi segreti deviati, dello Stato nello Stato, ancora adesso le stragi rimangono impunite. 
Avevo 17 anni e Berlusconi era già nella P2 da 7 anni.
Si moriva ancora molto per mano delle Mafie e nella mia terra uno o più assassini torturavano e uccidevano giovani  coppie.

La speranza era l’avvio della fine della guerra fredda con Gorbaciov al potere nell’URSS.

Più che scrivo e più mi rendo conto che non potrei tornare, con la consapevolezza che ho oggi, ai miei 17 anni, ma desidero ancora una rificolona per il mio compleanno, insieme ad un LP potente  e alla leggerezza di chi crede nella giustizia e che un mondo diverso sia possibile. 

Solo el amor con su ciencia nos vuelve tan inocentes
(solo l’amore con la sua scienza ci rende tanto innocenti) Violeta Parra


Posta un commento