giovedì 7 febbraio 2013

Firenze per "One Billion Rising"



Nel mondo una donna su 3 ha subito violenza o è stata picchiata durante l'arco della sua vita.
Un miliardo di donne violate è un'atrocità.
Un miliardo di donne che danzano è una rivoluzione.”



Il 14 febbraio in tutto il mondo si terrà la performance One Billion Rising, una danza contro la violenza sulle donne ideata da Eva Ensler. Tantissime sono le organizzazioni e le persone comuni che hanno aderito.
A Firenze molti cittadini si stanno preparando a partecipare all'evento che si terrà in Piazza della Repubblica alle ore 15:00 e in Piazza Santo Spirito alle ore 19:00 questi gli eventi su facebook: https://www.facebook.com/events/343402529102236/
https://www.facebook.com/events/131394070359406/?fref=ts
con loro aderiscono: 
Associazione Artemisia
SNOQ Firenze
Libere Tutte
Centro Ideazione Donna
Le Musiquorum
Oxfam Italia
CGIL Donne
CPO Comune di Firenze

The Global Theatre Project
CPO Regione Toscana

Coordinamento fiorentino "Violenza di genere e sessismo. Come intervenire?"



Tantissime persone, che non avevano mai ballato in vita loro, stanno offrendo il loro tempo per recarsi alle prove, persone che stanno regalando momenti che avrebbero potuto dedicare ad altro per questa buona causa.
Sono molto orgogliosa delle mie amiche fiorentine che, appena conosciuta l'iniziativa, si sono subito mobilitate per coordinarsi in vista dell'evento, persone sempre disponibili e generose.
Si balla per chi non c'è più, si balla per chi non riesce ad uscire dalla violenza, si balla per le donne sfruttate, violate, uccise, si balla perché ci dev'essere una cultura diversa che ponga il rispetto dei diritti di tutti come valore inalienabile.
Qua trovate le varie iniziative nel resto d'Italia: http://obritalia.livejournal.com/11449.html
e nel sito ufficiale le varie iniziative nel mondo: http://onebillionrising.org/



E' un piccolo passo per dire ancora una volta No alla violenza e per cercare di abbattere culture arcaiche che purtroppo sono ancora troppo radicate nel mondo e nel nostro paese.








Posta un commento