martedì 27 settembre 2011

Sabrarola e la teoria della cospirazione

Credo ci sia la teoria del complotto dietro la teoria del complotto. Siamo spiati, ogni nostra mossa, ogni nostro respiro sono monitorizzati. I Grigi sono in mezzo a noi e numerose forme con  vaghe sembianze umane ci  perseguitano Non possiamo strare tranquilli al telefono con il nostro amante o con  il nostro pusher di fiducia, né flirtare liberamente in DM su Twitter o in chat su facebook, neppure scaccolarci con noncuranza  in ascensore.  Telecamere, cimici, scarafoni digitali e altre diavolerie riprendono e rigistrano ogni nostra parola, ogni nostro gesto compresi quelli che  siamo abituati a fare abitualmente in webcam per quella che noi ritenevamo una  platea riservata.  I cerchi nella testa e quelli nel grano,  il digitale terrestre che non funziona MAI, le scie chimiche e quelle di Lapo, il NWO e Hannah Montana, il gruppo Bilderberg e la bocca della Santanché che urla sul ponte di comando di Zack e Cody, il culo di Ruby nel  mondo di Patty, Tesla, i campi magnetici e Campi Bisenzio, gli Annunaki, Briatore a bordo dei Vimana Millionaire e la gamma di espressioni (due: triste/felice) di Barbara D'Urso. Sono anni che ci penso, sono anni che imbottisco di supposte con microchip  i piccioni di Santa Maria Novella per lo scambio d’informazioni utili a capire come sfuggire a questa schiavitù del controllo.  Molti piccioni sono morti inutilmente, molti altri adesso voglio ancora più supposte, ma tutto questo è stato un inutile spreco di energie. Mi sono messa a sentire tutti i dischi dei Beatles all’incontrario e anche quelli di Al Bano, ma non ho ricavato niente a parte l’idea che la felicità sta nel rotolarsi in un campo di fragole infinite con un panino e non con il bicchiere di vino che altrimenti si rovescerebbe. Ho speso anni per capire chi siano in realtà coloro che tengono i fili  del pianeta,  finalmente stamani ho avuto l’illuminazione: ho riconosciuto il marchio nello spazzolino da denti, in una scatola in camera, nei fazzoletti di carta, nello zaino di mia figlia. Immediatamente ho collegato ... nella stragrande maggioranza degli oggetti in casa ho riconosciuto quella  inquietante impronta.  Sono corsa fuori e mi sono sentita perseguitata da quella immagine. Milioni e milioni di persone ne sono schiavi … come ho fatto a non rendermene  conto prima? Ora so che è lei che ci guarda, ci comanda e ci domina. Ormai credo sia tardi, sono più di 35 anni che è entrata subdolamente nelle teste dei più deboli e si è impossessata di tutto, credo sia impossibile liberarsene a questo punto.
Questa storia Ha dell'incredibile e spero solo che riusciate a dEcifrare questo mio uLtimo criptico e sibilLino messaggiO, proprio adesso mentre mi mangio un Kiwi. ChI avrà la capaciTà di deTerminare la soluzione saprà da chi dovrà guardarsi con attenzione d'ora in avanti.
Cordialmente vostra,  SabrY


Posta un commento